Mese: Luglio 2019

Garanzia Giovani: una concreta opportunità di crescita

Garanzia Giovani: una concreta opportunità di crescita

Garanzia Giovani: una concreta opportunità di crescita

Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile.
Ma cosa prevede esattamente e quali sono le opportunità per i giovani NEET?
Scopriamolo insieme.

Con il bando “Work experience per i giovani” la Regione finanzia nuovi percorsi formativi e di tirocinio per i NEET

E’ ripartito il Programma Garanzia Giovani Veneto con un bando con cui la Regione del Veneto finanzia nuovi percorsi di formazione e tirocinio per favorire l’occupabilità dei giovani NEET che non studiano e non lavorano.

“Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet – Not in Education, Employment or Training).”

Così il sito ufficiale di Garanzia Giovani descrive la natura e gli obiettivi che questo piano prevede.

La direttiva è rivolta a tutti i giovani tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia che appartengono a quella fascia di persone che non producono alcun tipo di reddito, che non lavorano e che non studiano. Posseggono però  i requisiti per poter ancora reinserirsi nel mondo del lavoro acquisendo nuove competenze, nuove esperienze e valorizzando le proprie inclinazioni e capacità.

Il percorso si divide in vari step:

  • Accoglienza;
  • Orientamento;
  • Formazione;
  • Accompagnamento al lavoro;
  • Tirocinio.

Il minino comune denominatore che ogni percorso deve possedere è l’inerenza al mondo attuale del lavoro.

Elemento fondamentale della scelta di voler proporre determinati profili è appunto agevolare la persona nell’ inserimento in una realtà aziendale che abbia la reale necessità di  nuove e giovani risorse.
Non è sempre facile capire i fabbisogni delle aziende e d’altro canto neanche proporre percorsi realmente interessanti per gli Under 30.
L’obiettivo di Garanzia Giovani è proprio colmare il vuoto che esiste tra la scuola dell’obbligo e il mondo del lavoro. L’opportunità di poter frequentare un corso che permette di mettere in pratica quanto appreso e conoscere un’azienda reale è unica e preziosa.
E’ raro infatti che attraverso uno o due colloqui l’azienda possa capire le reali competenze della persone e la stessa risorsa possa capire se quella realtà è il posto giusto o addirittura che quel ruolo sia quello giusto.

Il tirocinio assume dunque una valenza biunivoca: una possibilità di conoscenza e studio da entrambe le parti, da sfruttare al massimo

Eduforma Srl sta lavorando proprio su questo concetto, proponendo percorsi diversi e di diversa natura, per poter offrire un ventaglio di opportunità a seconda dei percorsi di studiocompetenze e aspirazioni personali.
In egual misura partire dai fabbisogni professionali rilevati e dalle specifiche esigenze delle imprese è indispensabile per dar senso al significato più profondo al progetto.

DGR 1010/2019: Per un’impresa organizzata e consapevole

DGR 1010/2019: Per un’impresa organizzata e consapevole

FSE POR 2014/2020 – Ob. “Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione”
Asse I – Occupabilità
PER UN’IMPRESA ORGANIZZATA E CONSAPEVOLE
Strumenti per favorire la competitività e la crescita professionale – DGR 1010 del 12/07/2019
Approvato con D.D.R. n. 9 del 03/01/2020

La presente iniziativa persegue, da una parte, l’obiettivo di favorire lo sviluppo economico attraverso una maggior competitività delle imprese e, dall’altra, di valorizzare il capitale umano e incrementare l’adattabilità dei lavoratori, attraverso l’aggiornamento continuo delle competenze e delle conoscenze strettamente legate a quelli che sono i fabbisogni specifici delle nostre realtà territoriali e del processo di ibridazione del lavoro.

Tipologia di progetti
I progetti, di durata non superiore a 12 mesi, devono rispondere ai bisogni delle imprese in relazione alle tematiche evidenziate e potranno essere di due tipi:

  • Progetti MONOAZIENDALI – presentati dall’azienda stessa o da un organismo di formazione su specifico mandato dalla singola impresa;
  • Progetti PLURIAZIENDALI – presentati dagli enti accreditati per la formazione continua e relativi ai fabbisogni di più imprese, appartenenti allo stesso settore o alla stessa filiera.

I progetti pluriaziendali dovranno necessariamente prevedere la presenza di almeno 2 aziende come destinatarie di progetto; in aggiunta alla presenza di minimo 2 aziende, è possibile coinvolgere professionisti con P.IVA (che non contribuiscono a garantire la pluriaziendalità).

Ogni progetto potrà focalizzarsi su una o più delle seguenti tematiche:

Tipologie di interventi
Potranno essere realizzati interventi di formazione indoor ed esperienziale/outdoor cui potranno essere aggiunti interventi di accompagnamento di vario tipo.

Destinatari
Le attività progettuali sono rivolte alle seguenti tipologie di destinatari:

  • lavoratori occupati presso imprese operanti in unità localizzate sul territorio regionale con modalità contrattuali previste dalla normativa vigente (compresi apprendisti);
  • titolari d’impresa, coadiuvanti d’impresa;
  • liberi professionisti e lavoratori autonomi.

Non sono ammissibili come destinatari coloro i quali abbiano un rapporto di lavoro con:

  • soggetti riferibili ai settori della pesca, della sanità e socio-assistenziale;
  • organismi di formazione, accreditati o non;
  • soggetti pubblici o privati quali Comuni, enti pubblici, associazioni economiche di interesse pubblico, associazioni datoriali e di categoria, ecc…

Priorità

  • il coinvolgimento di partner aziendali che non siano stati coinvolti in iniziative di formazione
    continua finanziate con le DDGR n. 687/17 e/o 1311/18;
  • progetti che prevedono percorsi interaziendali.

Soggetti proponenti

  • I soggetti per l’ambito della Formazione Continua.
  • Imprese private, con un’unità operativa ubicata in Veneto, esclusivamente progetti monoaziendali.

Partenariato
Partenariati aziendali necessari alla realizzazione delle proposte progettuali devono essere attivati sin dalla fase di presentazione e non potranno essere oggetto di successive integrazioni in fase di realizzazione del progetto.
Tuttavia, qualora si verificassero problematiche, debitamente motivate, che impedissero la partecipazione di un partner aziendale approvato, sarà possibile provvedere alla sostituzione dello stesso a condizione che tale sostituzione avvenga nel rispetto dei requisiti di finanziabilità (soggetti con i medesimi requisiti del partner oggetto di sostituzione) e della normativa sugli aiuti di stato.
L’inserimento di partner operativi accreditati non potrà avvenire successivamente all’approvazione dei progetti.

Risorse disponibili
Lo stanziamento totale ammonta ad € 10.000.000,00.

Termini di scadenza

La Data Science come nuova opportunità di lavoro per statistici e matematici

La Data Science come nuova opportunità di lavoro per statistici e matematici

La Data Science come nuova opportunità di lavoro per statistici e matematici

La Data Science è quella branca che sviluppa la scienza dei dati tramite l’insieme di principi metodologici e tecniche multidisciplinari, volta ad estrarre conoscenza dai dati attraverso la relativa fase di analisi e interpretazione degli stessi da parte di un esperto.

Statistica, matematica e discipline scientifiche, trovano nuovi ambiti di applicazione nella Data Science

Questa disciplina dunque attinge a diversi ambiti di studio e a diversi principi metodologici, trovando però la sua parte fondamentale nell’analisi critica dei dati in relazione ad eventi misurati. L’analisi critica dei dati viene supportata in fase predittiva da discipline quali la statistica e da alcuni ambiti della matematica.  Ecco perchè queste due discipline divengono sempre più coinvolte in molti settori che utilizzano la Data Science, in particolare quello economico finanziario e quello bancario, ma non solo, anche quello medico scientifico, cosi come in molti comparti tecnologici.

La Data Science per la gestione delle problematiche comuni

Gli algoritmi che concorrono a studiare i dati raccolti da diverse fonti ed in particolare dal mondo dal digitale, richiedono una capacità di analisi che si può giovare della capacità di creare relazione e analisi predittiva tra dati, anche quando questi non appaiono intimamente connessi fra loro. Possiamo vedere questo ad esempio nelle diverse piattaforme web dedicate alla risoluzione di problematiche complesse e comuni, dove la Data Science interviene nel trovare soluzioni analizzando i dati forniti come contributo dato da molti utenti. Utilizzi di questo tipo se ne fanno per esempio in ambito medico per prevedere virus influenzali e di diversa natura, ma anche per studiare, ad esempio, le relazioni fra comportamenti e patologie mediche.

Più di recente, probabilmente sempre più in futuro, la raccolta e la condivisione delle informazioni avviene tramite una nuova tecnologia di rete chiamata blockchain, ossia una struttura di condivisione dati, che basa la sua efficacia sulla decentralizzazione, condivisione e immutabilità dei dei dati stessi, oltre che sul concetto di fiducia che accompagna in questo servizio gli utilizzatori, congiuntamente a quello di community.  A queste rivoluzionarie caratteristiche, si aggiungono inoltre la crittografia e la trasparenza dei dati.

Data Science: dagli algoritmi al decision making

Vediamo dunque come queste tecnologie stiano concorrendo a creare i presupposti per figure professionali nuove, quali quella del Data Scientist, che prevedibilmente troveranno anche ambiti di specializzazione propri, ad esempio nell’ambito medico, in quello economico e finanziario, in quello geologico e cosi via. Diviene evidente, quindi, quanto ambiti di studio quali quelli statistici e matematici, ma anche economici, finanziari e di diverse altre discipline, possano trovare nuovi ambiti di applicazione nella Data Science.

data scientist

Sarà infatti richiesta non solo la capacità di creare algoritmi, attingendo appunto da questi ambiti metodologici e di studio, quindi una capacità di analisi funzionale e dei processi logico-informatici, ma anche una capacità fondamentale di interpretazione dei dati e di risposta decisionale in relazione agli stessi.

Capiamo dunque, come si creeranno i presupposti lavorativi per gli ambiti che riguardano la creazione degli algoritmi di Data Science e quelli invece rivolti all’analisi dei dati tramite cruscotti di data intelligence analysis, ossia volti a favorire un’interpretazione ottimale degli stessi in fase di decision making. Nuove professioni dunque sono alle porte, altre ne nasceranno con il perfezionamento e l’espansione sul mercato delle nuove tecnologie; aggiornarsi ed avere un atteggiamento precursivo potrà favorire sicuramente una maggior riuscita in ambito lavorativo ed occupazionale negli anni a venire.

Cosa significa Industria 4.0? Strumenti e benefici per le aziende

Cosa significa Industria 4.0? Strumenti e benefici per le aziende

Cosa significa Industria 4.0 Strumenti e benefici per le aziende

L’industria nel tempo ha cambiato forma, quando questi cambiamenti hanno condizionato profondamente i processi si è sempre parlato di rivoluzione.


Siamo oggi alla quarta rivoluzione industriale, questa prende il nome di Industria 4.0 poiché la natura di questa evoluzione è strettamente legata al web, infatti gli strumenti introdotti nei processi aziendali sono estensioni di internet applicati al mondo fisico.
Gartner alla fine del XX secolo coniò il termine Supranet, per indicare il processo di fusione del mondo di internet con quello fisico, l’Industria 4.0 rappresenta la maturità di questa rete ormai integrata nei processi di piccole e grandi realtà aziendali.
Protagonisti di questa evoluzione sono gli oggetti appartenenti al mondo dell’internet delle cose (Internet of things in inglese acronimo IoT), oggetti capaci di raccogliere autonomamente informazioni e comunicarle attraverso internet. I dati che questi oggetti trasmettono, una volta raccolti e strutturati, possono essere trattati con logiche di Big Data e Machine Learning al fine di produrre dati previsionali o storici utili ad aumentare l’efficienza delle aziende, appartenenti a qualsiasi settore.

L’Industria 4.0 nasce quindi per agevolare i processi produttivi, indispensabili per tutti.

L’IoT e i Big Data sono strumenti che aprono un mare di possibilità alle imprese in tutti i settori dell’economia: le nuove tecniche di lavorazione apportano numerosi vantaggi, soprattutto ai processi produttivi, resi più veloci ed efficienti. Gli impianti sono controllati da unità centrali, in grado di individuare falle e anomalie e, in alcuni casi, anche capaci di correggere i guasti. E, soprattutto, tutte le macchine utilizzate in azienda sono connesse in rete. Nella logistica grazie ai tag RFid ogni prodotto può essere monitorato ed inventariato a distanza grazie a delle antenne capaci di contare in pochi minuti tutti i colli di magazzino.

Dalla catena di montaggio al negozio: l’IoT incrementa l’efficienza.

Queste tecnologie integrate nei punti vendita li rendono “intelligenti”. Ad introdurre questi strumenti all’interno dei propri punti vendita sono soprattutto grosse catene di negozi, queste usando i Big Data ed il Machine Learning possono prevenire molti dei problemi che tradizionalmente questo settore incontra nella gestione tradizionale: sotto scorte di magazzinotempi lunghi dedicati ad inventariare gli scaffali e prezzare/rietichettare i prodotti; aumentando efficienza e riducendo tempi e spazi.

Il negozio pertanto, diventa intelligente.

Grazie a iBEACONQr code e NFC lo smartphone dei clienti, dotato di apposita app, diventa lo strumento per raccogliere dati utili, grazie ai quali è possibile ad esempio:

  • Tracciare i flussi all’interno del punto vendita, rilevando il punto di maggior passaggio ove eventualmente posizionare un prodotto da evidenziare o un cartello importante.
  • Permettere ai clienti di scoprire in autonomia la composizione di un prodotto, le specifiche tecniche o semplici curiosità legate al prodotto o al Brand.
  • Richiedere feedback su una serie di prodotti ancora in fase di progettazione per venire meglio incontro al gusto dei propri clienti.
  • Il cliente può scegliere con una scansione dal proprio cellulare un prodotto che poi potrà ritirare in cassa oppure gli verrà spedito a casa.
  • Pagare direttamente da app eventuali i prodotti presenti in negozio evitando la fila alle casse.

Questo permette di razionalizzare gli spazi di magazzino e di negozio, liberando i dipendenti dalle classiche incombenze di inventario e di cassa, e permettendo quindi di impiegare queste risorse a nuovi concept di customer care, implementando ad esempio spazi di svago, caffetterie, internet point e così via, donando una esperienza più social di interazione tra i clienti magari con iniziative d’incontro.

Operatore del Mercato del Lavoro

Operatore del Mercato del Lavoro

Eduforma Srl è una società di Formazione Aziendale e Consulenza Manageriale specializzata nell’area dello sviluppo delle Risorse Umane. È accreditata dalla Regione Veneto per la Formazione, l’Orientamento e i Servizi al Lavoro, è Ente certificato ISO 9001:2008 e accreditato Fondimpresa nell’erogazione di corsi formativi aziendali.

Job description:

Stiamo cercando una figura da inserire nel ruolo di  Operatore del Mercato del Lavoro, per attività legate all’Assegno per il Lavoro, presso la nostra sede di Padova.

La figura si occuperà di gestire i colloqui di prima accoglienza per individuare le risorse personali e professionali spendibili nel mercato del lavoro, in linea con possibili inserimenti lavorativi.

Mansioni previste:

  • Gestione dei colloqui;
  • Elaborazione di un piano di sviluppo professionale con l’utente, in linea con le competenze pregresse e da acquisire attraverso la formazione;
  • Monitoraggio degli obiettivi posti in essere volti all’incrocio della domanda con l’offerta di lavoro;
  • Attività di accompagnamento dell’utente del servizio nei percorsi di inserimento e/o reinserimento lavorativo;
  • Gestione della relazione con le aziende interessate alle figure professionali.

Contratto di lavoro: Tempo pieno o tempo parziale

Profilo ricercato:

Ci rivolgiamo a persone che abbiano già maturato un’esperienza nel settore e abbiano possibilmente già utilizzato i portali istituzionali dedicati.

Il/La candidato/a ideale ha ottime caratteristiche relazionali, propensione al lavoro di gruppo, elevata capacità di problem solving e di organizzazione, oltre ad una buona conoscenza del pacchetto Office.

Sede di lavoro: Padova

Per candidarsi inviare un dettagliato CV, completo di consenso al trattamento dei dati personali e del Rif. Operatore OML, selezione@eduforma.it

Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.

 

Contattaci

Nome Completo:






sCRIVICI

tI RISPONDEREMO IL PRIMA POSSIBILE!

contattaci
su Whatsapp

Vuoi contattarci per partecipare ad un corso e riqualificarti nel mondo del lavoro?
Scrivici direttamente tramite WhatsApp.
Lo staff di Eduforma risponderà a tutte le tue domande!

391 7549842