Categoria: Blog

DGR 1243 Di Mano in Mano – Il Clima Organizzativo | L’esperienza formativa di VisioneImpresa

DGR 1243 Di Mano in Mano

Il Clima Organizzativo | L'esperienza formativa di VisioneImpresa

Il clima aziendale è l’insieme delle percezioni e l’interpretazione di un ambiente lavorativo da parte delle persone che lo vivono quotidianamente: un indicatore che esprime la qualità dell’ambiente di lavoro che i lavoratori “respirano” all’interno dell’azienda. 
L’analisi del clima organizzativo è un valido strumento per rilevare le caratteristiche e i punti critici dell’organizzazione.  

Proprio per questo, l’intervento di coaching svolto per il partner Visioneimpresa dalla nostra docente Silvia Galante si è posto l’obiettivo di analizzare le leve motivazionali dei partecipanti, per fotografare la qualità della presenza in azienda.

Come ci ha raccontato Martina Turra, consulente commerciale di Visioneimpresa, la finalità di partecipare al progetto è stata quella di poter analizzare prima e fornire poi, gli strumenti utili per organizzare le attività da svolgere individualmente per migliorare i servizi che l’azienda offre al cliente. In secondo luogo obiettivo del coaching è stato quello di creare una base per una struttura più organizzata e dare la possibilità ai dipendenti di svolgere delle giornate lavorative anche in modalità smartworking. 

Ecco a voi un estratto della formazione!

Scopri di seguito tutti i percorsi di formazione dedicati ai lavoratori e alle aziende!

Formazione finanziata al 100% per chi realizza Progetti di efficientamento energetico 

Clean Energy Package

Formazione finanziata al 100% per chi realizza Progetti di efficientamento energetico

 

In linea con quanto previsto dal Clean Energy Package, un insieme di direttive europee per le politiche ambientali che dovrebbero andare a regime nel 2030, nascono le comunità energetiche rinnovabili.

Cosa rende così importanti le comunità energetiche rinnovabili (CER) oggi?

Il fatto che attraverso le CER si possono ridurre i costi energetici, utilizzando energia pulita prodotta a livello locale a favore dell’ambiente, abbattendo il co2.

Chi possiede un impianto fotovoltaico con accumulo connesso in rete può diventare un prosumer (produttore e consumatore al tempo stesso), può quindi condividere con altri consumer la sua energia in eccesso.

Le persone che condividono energia rinnovabile e pulita sono comunità energetiche rinnovabili (CER).

Come si possono realizzare le CER?

In attesa di altri finanziamenti in attuazione della legge regionale, attraverso  un fondo di private equity europeo, è possibile  sostenere a livello territoriale il finanziamento di progetti di Efficientamento Energetico (EE), supportando la realizzazione delle Comunità Energetiche.

Hai bisogno di lavorare su un progetto di investimento o efficientamento energetico da presentare?

 Eduforma lavora con te! Abbiamo partner affidabili capaci di farti ottenere le migliori condizioni per raggiungere il tuo obiettivo di risparmio energetico. 

Prenota QUI la tua richiesta di informazioni su progetti finanziati di efficientamento energetico .

Abbina la formazione finanziata al 100% per sviluppare il tuo progetto, scopri l’Avviso Fondimpresa 4/2022 Conto di Sistema Green Transition & Circular Economy!

 

SCOPRI I PERCORSI FORMATIVI AZIENDALI

DGR 497 Alleniamoci al Futuro | Il percorso di formazione Videomaking: Ciak si gira! e l’importanza di saper raccontare la propria azienda

DGR 497 ALLENIAMOCI PER IL FUTURO

iL pERCORSO DI FORMAZIONE DI VIDEOMAKING E L'IMPORTANZA DI SAPER RACCONTARE LA PROPRIA AZIENDA

Sentiamo spesso parlare di storytelling aziendale, ma cos’è esattamente?

Lo storytelling è la capacità nel creare una storia per raccontare un contenuto. Lo storytelling applicato ad un’azienda è quindi capacità di raccontare la storia di un brand che vuole avvicinare la propria proposta a clienti potenziali.
Apprendere le tecniche narrative per applicarle agli obiettivi di comunicazione delle imprese e delle organizzazioni, è uno strumento di sviluppo per il marketing aziendale essenziale per adeguarsi al linguaggio comunicativo attuale. 

Pertanto Eduforma, grazie alla DGR 497 Alleniamoci al Futuro, ha ritenuto fondamentale progettare ed erogare il percorso di formazione “Videomaking: Ciak si gira!”.
Il progetto formativo, dedicato a dipendenti, titolari e liberi professionisti si è svolto sia on line che in presenza e fuori dall’orario di lavoro.
Il docente e fotoreporter di professione Andrea Signori e i partecipanti hanno affrontato diverse tematiche, dallo studio della composizione video-fotografica e dell’inquadratura, passando per i principi della profondità di campo, fino all’ideazione di un video aziendale e la prova pratica finale. 
 
Ecco a voi un estratto della formazione!

Scopri di seguito tutti i percorsi di formazione dedicati ai lavoratori e alle aziende!

Il nuovo servizio di Eduforma: una consulenza gratuita e personalizzata per il tuo reinserimento lavorativo

IL NUOVO SERVIZIO DI EDUFORMA

UNA CONSULENZA GRATUITA E PERSONALIZZATA PER IL TUO REINSERIMENTO LAVORATIVO

Eduforma ti vuole offrire un nuovo servizio, personalizzato e completamente gratuito.
Prenotando un appuntamento sin da ora:

  • Potrai avere un confronto diretto con operatori esperti del mondo del lavoro e della formazione;
  • Potrai ricevere una consulenza ad hoc per analizzare le tue competenze e le tue esperienze, esplorando le aree in cui sono più spendibili e i tuoi interessi verso nuove opportunità professionali;
  • Potrai beneficiare di orientamento e di accompagnamento al lavoro lavorando sul tuo curriculum e poter raggiungere i tuoi obiettivi professionali.

________

Preferisci ricevere la consulenza comodamente da casa?
Non c’è problema, Eduforma ti può incontrare anche in modalità ON LINE.

Vuoi saperne di più?
Non esitare a contattarci: ti daremo tutte le informazioni necessarie: compila il form e prenota subito la tua consulenza gratuita!

DGR 1243 Di Mano in Mano | Il percorso di formazione Mindfulness, un metodo innovativo per ritrovare l’equilibrio tra vita e lavoro

DGR 1243 Di Mano in Mano
UPGRADE: VERSO UNA NUOVA CARRIERA PROFESSIONALE

iL pERCORSO DI FORMAZIONE MINDFULNESS, UN METODO INNOVATIVO PER RITROVARE L'EQUILIBRIO TRA VITA E LAVORO

Eduforma ha organizzato, grazie alla DGR 1243 Di Mano in Mano e del progetto L3 – UpGrade: verso una nuova carriera professionale, il percorso di formazione “Mindfulness: ritrovare l’equilibrio tra vita e lavoro”, dedicato a dipendenti, titolari e liberi professionisti, svolto in presenza e fuori dall’orario di lavoro, tra Maggio e Giugno 2022.
 
Ma cos’è esattamente la Mindfulness?
 
La Mindfulness è una pratica di meditazione sviluppata a partire dai precetti del buddismo (ma distaccata dalla componente religiosa) ed è una modalità di prestare attenzione, momento per momento, in modo intenzionale e non giudicante, al fine di risolvere (o prevenire) la sofferenza interiore e raggiungere un’accettazione di sé attraverso una maggiore consapevolezza della propria esperienza.
 
Il progetto ha quindi consentito ad Eduforma di spaziare in un mondo diverso dal quale è abituato ma nonostante un’apparente estraneità a livello didattico, il corso ha perfettamente risposto alle esigenze dei partecipanti confermando, ancora una volta, quanto la formazione aziendale possa migliorare le competenze trasversali che a loro volta influiscono positivamente sulle attività lavorative.
 
Alessandro Savio, docente e mindfulness coach, ha accompagnato i partecipanti ad acquisire maggiore consapevolezza di sé, dei propri pensieri e delle proprie emozioni. Come ha sottolineato Alessandro, “i partecipanti hanno dimostrato una grandissimo interesse nella propensione ad assorbire e ad assaporare le pratiche della Mindfulness per diminuire lo stress, soprattutto quello che afferisce al mondo digitale”.
 

Ecco a voi un estratto della formazione!

Scopri di seguito tutti i percorsi di formazione dedicati ai lavoratori e alle aziende!

Il Veneto delle Donne | Michaela Magon: la perseveranza porta fortuna

Il Veneto DELLE DONNE

MIChAELA MAGON: la perseveranza porta fortuna

Lo scorso 25 Marzo si è svolto il seminario di Il Veneto delle Donne dedicato a donne alla ricerca di nuove strade professionali.
Durante la giornata si sono susseguiti relatori, coach e professionisti del mercato del lavoro che hanno accompagnato le partecipanti in un percorso di autoconsapevolezza professionale e personale.

Durante il pomeriggio Michaela Magon, una partecipante al seminario, ha timidamente chiesto una piccola consulenza, improvvisata sul momento con due relatori che stavano prendendo fiato dopo i loro rispettivi interventi. Michaela aveva infatti ricevuto una telefonata, una di quelle telefonate che aspetti molto intensamente quando stai cercando lavoro. E quale miglior consulente poteva esserci se non i nostri relatori del seminario? Dopo un breve confronto Michaela ha avuto le idee più chiare su cosa rispondere all’azienda. 

Dopo qualche tempo abbiamo ricevuto una sua mail che ci ha riempito di orgoglio e di soddisfazione: Michaela aveva ottenuto il lavoro e ci ringraziava per il supporto ricevuto sia in quel momento che durante tutto il seminario.

Gentile Miriam,
mi permetto di scriverti per raccontarti come sta andando la scelta fatta del mio lavoro, dopo aver ricevuto la chiamata durante il vostro corso a Galzignano. Sono tre settimane che sono in questa ditta e nonostante piccoli problemi sono contenta di avere un lavoro. Sto cercando di mettere in pratica le nozioni apprese e staremo a vedere.
Nel frattempo mi tengo aggiornata su altri corsi da seguire compatibilmente con i miei orari ed impegni.
Grazie mille ancora per aiutare gli altri (soprattutto noi donne ) e chissà che in un futuro non ci si possa rivedere.”

Dopo circa un mese ci ha nuovamente scritto, esprimendo la felicità provata nell’aver ricevuto il suo primo stipendio pieno. 
Pertanto abbiamo voluto condividere con voi questa piccola grande storia, di come il nostro lavoro può evolversi: è un sassolino nel mare, ma alle volte ci dimentichiamo cosa può significare avere finalmente un riscontro positivo e ricevere un compenso dopo magari tanto tempo, dopo essersi messi così tanto in gioco senza mai mollare un momento.
Michaela ora è impiegata come tecnico controllo qualità in una ditta d’abbigliamento dell’alto vicentino.
 
In bocca al lupo Michaela!
 

Vuoi rivedere tutti i video del seminario Il Veneto delle Donne? Clicca QUI

Lavoro e disabilità: Disability Job Coaching a supporto dell’inclusione sociale

Lavoro e disabilità

Disability Job Coaching a supporto dell’inclusione sociale

L’integrazione delle persone con disabilità nel mondo del lavoro è ancora oggi un aspetto importante da gestire per le imprese: secondo la ricerca “L’inclusione lavorativa delle persone con disabilità” effettuata nel 2019 dalla della Fondazione Consulenti del Lavoro, su 100 persone di 15-64 anni che, pur avendo limitazioni motorie e/o sensoriali oppure disturbi intellettivi o del comportamento, sono comunque abili al lavoro, solo il 35,8 % sono occupati. Nell’ordinamento italiano, già con la legge 68/1999 (se vuoi saperne di più clicca QUI) è stato introdotto il nuovo istituto del collocamento mirato del disabile in quanto cittadino tra i cittadini con pari diritti e doveri e che consiste nel collocamento, all’interno delle percentuali di assunzione obbligatoria, delle persone con disabilità, in base alla loro formazione pregressa, alle loro capacità acquisite e tenendo conto delle potenzialità di crescita professionale.

Da qui deriva l’esigenza di prevedere servizi che accompagnino il disabile nel lavoro, come per esempio il tutoring, che del resto viene già ampiamente utilizzato in azienda tra soggetti normo-dotati. Negli ultimi anni, in Italia si sta quindi delineando il concetto di Disability Job Coaching, ovvero un servizio di inserimento lavorativo, integrato eventualmente con un affiancamento fisico nei primi periodi, sino al follow up di lunga durata.

Tale servizio si concentra con particolare riguardo agli elementi di “fragilità” del lavoratore disabile in tutto il suo percorso lavorativo, quindi anche oltre il collocamento mirato previsto dalla legge, con l’obiettivo di rendere permanente l’inserimento in azienda: partendo dall’analisi dell’ambiente aziendale e dal tipo di disabilità si valutano aspetti pratici (localizzazione, raggiungibilità e accessibilità della struttura fisica, orari e contesto familiare/assistenza sociale di supporto) ad aspetti ergonomici (attrezzature particolare, guide, …), fino alla definizione e attuazione delle misure di prevenzione dei rischi di un possibile abbandono del posto di lavoro da parte del disabile.

Il Disability Job Coach inoltre si occupa del contesto lavorativo, ovvero degli aspetti di natura sociale e di inclusione da parte dei colleghi di lavoro e delle mansioni affidate al lavoratore con l’obiettivo di riduzione delle discriminazioni nei confronti dei disabili. Infine, tale figura professionale si occuperà di individuare e valorizzare le attitudini del lavoratore disabile, per guidare le persone che vivono o che hanno a che fare con condizioni di disabilità, a ritrovare armonia ed equilibrio nelle loro vite, attraverso la riacquisizione della fiducia in sé stessi e la ricerca delle proprie potenzialità.

Un percorso di crescita personale che va ben oltre la condizione di disabilità, e che supporta le persone guidandole alla conquista di nuovi equilibri.

Il Veneto delle Donne: l’esperienza formativa di Store Cucine

il veneto delle donne

STORE CUCINE: LA FORMAZIONE DI EDUFORMA all'insegna del team building e della fidelizzazione del cliente

Partner del progetto Il Veneto delle Donne (DGR 526/20) Store Cucine è un’azienda del veneziano specializzata nella progettazione e vendita di cucine su misura. La gestione del cliente è parte fondamentale del core aziendale ed è proprio per questo che la formazione delle risorse umane del customer service di Store Cucine ha riguardato proprio le modalità di approccio al cliente.

Abbiamo chiesto a Stefania Moressa, HR di Store Cucine, di raccontarci qual è stata l’esigenza formativa iniziale che ha portato Store Cucine ad aver partecipato ad un progetto come Il Veneto delle Donne:

Eduforma: “Facendo riferimento al fatto che Store Cucine ha una percentuale elevata di donne all’interno del proprio organico, quali sono le competenze che emergono maggiormente grazie all’apporto delle figure femminili?”

Stefania: “Grazie all’apporto delle figure femminili Store Cucine può essere una realtà aziendale dinamica e vivace, in quanto la soft skill della flessibilità è una capacità molto forte nella popolazione femminile aziendale: questa caratteristica ha permesso all’azienda di sostenere ed affrontare in modo costante i cambiamenti che negli ultimi 2 anni si sono susseguiti il più delle volte inaspettatamente e con rapidità. Ma non è da sottovalutare la perseveranza e l’impegno che hanno dimostrato nel perseguire gli obiettivi aziendali cercando sempre soluzioni concrete.”

Eduforma: “Qual è l’esigenza formativa ed il contesto in cui si è sviluppata rispetto al progetto?”

Stefania: “In questo periodo  di crescita e forte sviluppo aziendale c’era la necessità di creare un nuovo team per il neo-reparto del Customer Service, pertanto risultava necessario allineare le risorse in esso impiegate in ottica customer oriented con un corso che affrontasse la gestione del cliente da un punto di vista relazionale e che prendesse in esame anche la possibilità di gestire il cliente interno che in qualche modo si trova coinvolto nel processo che ha portato all’insorgere di un’assistenza e quindi di un reclamo.
Quindi era fondamentale che le operatrici del Customer Service potessero avere delle basi sul come comunicare efficacemente coi clienti e coi colleghi.”

Eduforma: “Qual è stato il valore apportato dall’esperienza formativa alle competenze delle partecipanti?”

Stefania: “L’esperienza formativa ha contribuito a favorire la conoscenza e quindi anche la coesione e l’apertura tra le partecipanti. Inoltre, seppur con intensità diverse,  nelle stesse si è fatta strada una maggiore proattività che le porta a voler riconoscere le opportunità anche nelle apparenti criticità, utilizzandole come spunti per agire sia nei confronti delle attività da svolgere che nei confronti dei clienti esterni e interni.”

Formazione industria 4.0 Scopri come finanziare l’innovazione che fa crescere la tua azienda

Formazione industria 4.0

Scopri come finanziare l’innovazione che fa crescere la tua azienda

Cos’è e come si riconosce un’ innovazione 4.0?

Per il legame con una delle tecnologie abilitanti, individuate dal Piano Industria 4.0, che permettono l’interconnessione globale: dal cloud all’IoT, passando per la stampa 3D all’Intelligenza Artificiale.

Esiste l’innovazione quando si riorganizza l’azienda usando tutti dispositivi tecnologici (mobile, cloud, social e analytics), oppure quando c’è un cambiamento tecnologico associato a nuovi software sviluppati ad hoc per specifici impianti o processi.

Quando l’innovazione dà vita ad un nuovo modo di lavorare per cambiamenti strategici nel modello di business, nella tecnologia o nell’organizzazione aziendale, la formazione diventa un tassello essenziale del nuovo messo in campo.

Eduforma assiste l’azienda nell’identificazione dello strumento per finanziare la formazione legata alle innovazioni individuate dall’Industria 4.0. Le aziende potranno segnalare se sono già seguite da un consulente/docente e richiederne la continuità nel progetto (purché in linea con gli standard richiesti).

Uno degli strumenti per supportare la transizione tecnologica e digitale è Fondimpresa, a valere sul Conto di Sistema, Avviso 1 del 2022 legato all’INNOVAZIONE.
Visiona i dettagli QUI

E per le aziende non aderenti?

È possibile consultare anche il catalogo coi percorsi industria 4.0 perché anche le aziende non aderenti hanno la possibilità di accedere ad altri contributi regionali (FSE) o nazionali (Formazione 4.0).

Eduforma in training ad Alzira, Spagna: la formazione formatori VET sull’intelligenza emotiva

Eduforma in training ad Alzira, Spagna:

la formazione formatori VET sull'intelligenza emotiva

Dall’ 11 al 15 marzo 2022 i formatori VET e Vocational advisors dei paesi partners del progetto Erasmus + “Emotional Intelligence on Labour Market” si sono riuniti ad Alzira-Valencia  per partecipare al corso di formazione sull’Intelligenza Emotiva nel mercato del lavoro. Eduforma è Coordinatore di progetto cofinanziato dalla Commissione Europea, attraverso il programma Erasmus Plus e dall’agenzia Italiana INAPP.

Oltre a Eduforma come capofila,  partecipano al progetto: il Comune di Alzira in Spagna, Amadeus Association in Austria, l’Università WSEI Lublin in Polonia, Fundatia Danis in Romania e Personnal Training in Bulgaria.

L’incontro è stata l’occasione per testare tutto il materiale formativo prodotto durante i 2 anni e mezzo di implementazione progettuale e, attraverso il training di 5 giornate, sono stati formati 15 consulenti professionali (Vocational Advisors) su come utilizzare le risorse educative del progetto EILM con i loro discenti.

Sei curioso e vuoi provare il test sull’intelligenza emotiva? Visita il sito del progetto QUI!

sCRIVICI

tI RISPONDEREMO IL PRIMA POSSIBILE!

contattaci
su Whatsapp

Vuoi contattarci per partecipare ad un corso e riqualificarti nel mondo del lavoro?
Scrivici direttamente tramite WhatsApp.
Lo staff di Eduforma risponderà a tutte le tue domande!

391 7549842