Il ruolo in azienda dell’Addetto all’ufficio Export

Nonostante la crisi globale, le esportazioni italiane sono in continua espansione: le realtà che funzionano e crescono nonostante la difficoltà generale sono quelle che vendono fuori confine. Nasce quindi la necessità di avere in azienda un professionista che si occupi del commercio internazionale, con competenze atte a favorire lo sviluppo commerciale verso i mercati esteri.

Secondo i dati ISTAT registrati questo anno, l’Italia ha registrato una crescita di 3,7 miliardi, rispetto all’anno precedente, che si traduce in un surplus commerciale di 4 miliardi.
Il Made in Italy ha registrato, secondo la stima Coldiretti, un record storico: 40 miliardi di euro per l’esportazione di prodotti agroalimentari all’estero.

Il tecnico di commercio estero è una figura esperta nell’ambito commerciale ed in particolare dedicata alla gestione delle relazioni con collaboratori, fornitori e clienti stranieri, per creare e/o rafforzare nuove opportunità di vendita nei mercati globali.
Tra le competenze specifiche richieste per ricoprire questo ruolo, le aziende valutano dei candidati che sappiano:

  • Elaborare una strategia di export;
  • Pianificare e gestire le azioni di export;
  • Gestire le relazioni di business con interlocutori stranieri;
  • Valutare gli aspetti amministrativi, contrattuali e logistici di un processo di export;
  • Gestire gli aspetti di marketing e posizionamento a livello internazionale.

Un aspetto molto importante nella pianificazione di una azione di internazionalizzazione è sicuramente la valutazione della propria struttura. L’addetto al commercio estero dovrà essere in grado di analizzare se si dispone della giusta infrastruttura per poter gestire effettivamente richieste, chiamate o prospettive commerciali in una nuova lingua e territorio.

Il commercio estero nel mondo digitale

Oggi, per espandersi, le aziende non vendono più esclusivamente ai clienti locali, ma fanno affidamento sull’uso della tecnologia e dei siti web per raggiungere i consumatori di tutto il mondo.
E’ necessario quindi saper comunicare sul web e gestire delle campagne di marketing digitale a livello internazionale, oltre che disporre di un e-commerce (se il prodotto lo consente) che sia funzionale e user-friendly.
Una vasta gamma di considerazioni devono essere affrontate al fine di adattare la strategia aziendale a un mercato globale. Le aree principalmente coinvolte sono: il design del sito web, SEO a livello internazionale, Adwords e social media marketing internazionale.
Sicuramente il primo passo nella creazione di una strategia di marketing internazionale è l’analisi: del mercato, della situazione attuale e della concorrenza.

Individuato il piano di azione, l’operatore del commercio estero deve essere in grado di:

  • Contribuire all’implementazione del piano di marketing aziendale;
  • Partecipare a controlli di marketing (interni ed esterni);
  • Seguire i risultati delle campagne promozionali;
  • Preparare rapporti da presentare al direttore marketing;
  • Progettare questionari per ricerche di mercato;
  • Sviluppare proposte per il lancio di nuovi prodotti / servizi;
  • Coordinare le azioni pubblicitarie.

Sviluppando una strategia internazionale, il numero di potenziali clienti e fornitori può aumentare in modo significativo.

Il ruolo di addetto al commercio estero è sicuramente di vitale importanza per le aziende che sono interessate a sviluppare il proprio business all’estero. Per potersi preparare al meglio al ruolo, è possibile partecipare a percorsi formativi gratuiti finanziati dalla Regione Veneto e promossi da Eduforma.

Sei interessato a implementare le tue competenze per diventare un esperto del commercio estero?

Scopri subito come iscriverti al corso di prossima partenza e completamente gratuito come Export Assistant specializzato nell’E-Commerce, le selezioni sono aperte!

Export Assistant specializzato nell’E-Commerce

 

Copy link
Powered by Social Snap